Regole per il volo degli APR in Germania

Nuove regole per volare per lavoro e per divertimento in Germania.

La più importante è che per volare con droni sopra i 2 kg bisogna dimostrare di saperlo usare. E questo si può fare in vari modi, per esempio avendo una licenza di pilota d’aerei o elicotteri eccetera, ma anche semplicemente con un attestato rilasciato da un’associazione sportiva o facendo un esame in aeroclub, un po’ come il nostro Attestato di aeromodellista (che però è richiesto solo se si superano i 25 chili). I popolari droni come i Phantom, pesando un chilo e mezzo, non richiedono permessi.

La Germania gioca d’anticipo, e in un assaggio di quelle che saranno le regole europee di EASA, che arriveranno non prima di un annetto, ritocca il regolamento per i droni.

Germania e droni

Salendo con i pesi, sopra i 5 chili (appena sopra droni come Inspire 1 o Yuneec Tornado) serve un permesso speciale rilasciato dall’Authority aeronautica tedesca. Tutti i droni che superano i 250 grammi che siano usati per lavoro o per divertimento devono avere una targhetta di alluminio con i dati del proprietario. La quota massima è 100 metri, anche qui per superarla serve un permesso (e va da se, un valido motivo per doverlo fare). Da noi la quota per gli aeromodelli è 70 metri, 150 se si ha il citato attestato di aeromodellista.

Una cosa interessante è che i droni sopra i 250 grammi non possono volare sulle aree residenziali, da che arguiamo che invece quelli sotto lo possono fare, cosa che invece da noi è proibita per tutti i droni: non si vola  in città, mai. In compenso, se – proprio come da noi- nulla vieta di fare riprese private e postarle dove ci pare, non si possono sorvolare case di altri, ma solo casa propria. Resta vietato, ovviamente, sorvolare operazioni di polizia e di soccorso, operazioni dei pompieri, strade e aeroporti. In Grmania si stima che volino 400 mila droni, e le regole, secondo il ministro dei trasporti Alexander Dobrindt che le ha volute,

Apriranno la strada a questa futuristica tecnologia, aumentando nel contempo la sicurezza dello spazio aereo. Oltre alla sicurezza, abbiamo previsto anche la protezione della privacy”.

Le regole tedesche hanno ricevuto l’approvazione della Uav Dach, la principale associazione di settore, secondo cui la legge “trova il giusto bilanciamento tra il miglioramento della sicurezza coprendo aspetti che non erano mai stati regolamentati prima e nel contempo lasciando margini di libertà e flessibilità a operatori e appassionati”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.